How do you make hard decisions?

3 Ott

Yesterday morning the above question was dropped from a dear friend, and the answer that came seemed valuable, so here it is, just slightly edited.

There are two answers to that, yet they share the core, which is you go deep inside of yourself. Deep inside of you, you have two advantages: one is equanimity (the balance needed to take hard decisions), the second is that you have the space to accept the pain or sorrow that might come with it. From that deep space you also are sure that you have to do what comes to you, and you are ok with it.
By going deep inside of you I mean: you put all of your attention inside the body and start noticing every single little activity, energy movement, sensation, that goes on inside. Special attention among all those activities is deserved by breathing. By that, you make your mind reasonably silent and you notice the space inside of you, and breathe into it.
Initially I mentioned that there are two answers, so let me now explain them: the first is the classic and real life one. As soon as you reach the depth of you, you allow for whatever needs to come to you, to arrive. If the time is right, it will arrive, or you might actually already find it, down there. If the time is not yet right, you should simply wait. Normally you know. If you are deep enough you are immune to the frustration or urgency, you can see them but you shouldn’t be bothered too much.
The second answer actually implies that there is no you taking that decision. That decision is taken by itself. It just comes and it has a power of its own, that cannot be ignored.
At the end the difference between the two answers is how well you know yourself. It always boils down to the depth that you are….. Whether you know it or not, you are a little bit (or a lot) like the Sun, therefore deep down you don’t care if a plant lives or dies because of your light, your love, and it is not because you lack compassion. It’s just that you have to share it ceaselessly.

You mean meditate on it, pretty much?
Well, very close, yes: it only depends on how you see meditation. The difference would be just that often meditation is seen as an effort to keep thoughts out, while this is just sinking in and watch what comes.

You don’t push away “causeless” joy, do you?

14 Set

I don’t know why last night brought me this question nor why she made me answer it. Maybe because I felt that in older and less cheerful times I happened to enjoy random bursts of happiness too, but I must have been pushing them away, by wondering what reasons I had to be happy.

Perhaps there is no need to say it, yet: joy is perfectly justified, always. She is, for millions of reasons. I could list some of them, starting with the fact that you are alive, you can read these words, you can probably tell your loved ones how much you do love them, you can walk (ever tried to do without, for a few days or months?), or you can take something with your own hands… I could go on forever, probably.

“What? How about all the misery that surrounds us?” Dear, you can neither tell how much such “misery” is, nor why it is there. On the first matter, if you ask someone who lives in the slums of Calcutta or Rio if he or she is happy or not, you will probably get very similar answers to the one you could get in Manhattan or Milan. Actually, they could be even better. If you ask a 10 year old boy… the first enjoy themselves more for sure. To address the second statement, let me confess one of my feelings about life: this experience has a purpose, and it is to grow up. I shall use Catholic language to make my point, but I could use another one: “misery”, if and when you experience it, is the gift that God is sending you so that you can grow up a lot. I know that sometimes it is not easy to see, let alone to accept, it, but if you could it would make it so much easier.
Mother Teresa, during an interview with the BBC, was once told, “You know, Mother, it’s easy for you to be more dedicated to service than us, mere mortals. You do not own a house. You have no possessions. You do not have a car. You do not have insurance. You do not even have a husband.” Mother Teresa replied: “Forgive me. I do have a husband -showing the ring that her monastic order wears to symbolize the marriage with Christ- I have a husband, and I want you to know that He can be really rough, at times.”

“But I feel awful!” I am sorry to hear that. May I ask you a question? Why are you feeling bad? I do not care about your answer -no, I did not just go nuts- but you should. I advise not to respond just now, though. I highly recommend sitting on the question, maybe even sleeping on it, and let it dig inside until it can. In the spiritual world I might say meditate on it. The insights that might come could be a significant surprise, and they might even change something inside.

A small additional “caveat” (a Latin word meaning a meaningful detail).
Let’s pretend for a moment that Life is a mother. A deeply loving mother -like most mums- who can not read minds. How does she know what you want?
If I were talking, now I would switch to whispering: “You need to let her know.” How? By saying thank you. Being grateful for everything that she sends our own way, which is very much, puts her in the mood to be even more generous –how human of Her!– and even more importantly lets her know what we really like, what moves us, what excites us and what makes us really, deeply happy.
The famous book “The Secret” contains quite a bit of nonsense, but also a few important truths. We do have the power to create our own reality, but it pertains to the depth, or heights, of ourselves, not to our silly minds. What attracts our energy now is what creates our reality. That’s why you see many people who are very rich and yet might not exactly be deemed to deserve much (how judgemental, lol). They are honest and clear, perhaps only towards life but that’s more than enough: life loves them just like she loves us, and she hears them.

Non è che per caso attribuisci la gioia “ingiustificata” a stupidità, vero?

13 Set

Non so come mai la scorsa notte mi abbia portato questa domanda e spinto a risponderle. Forse perché in tempi passati e meno allegri certe abbondanze di felicità c’erano, ma mi chiedevo per quale motivo le avrei dovute avere e chissà quante volte, invece di godermele, esserne contento e ringraziare, me le facevo passare.

Forse non ci sarebbe bisogno di dirlo, ma per un istante lo faccio lo stesso: la gioia è perfettamente giustificata, sempre. Lo è per milioni di motivi. Li potrei elencare, partendo dal fatto che sei vivo, che puoi leggere queste parole, che probabilmente puoi dire quanto vuoi bene alle persone che ami, che puoi camminare (mai provato a stare senza per qualche giorno o qualche mese?), che puoi prendere qualcosa con le tue mani e potrei ovviamente andare avanti in eterno.

“Ma come, e tutta l’infelicità che mi circonda?” Tesoro, tu non sai né quanta sia, nè perchè ci sia. Quanto al primo argomento, se chiedi a chi vive negli slum di Calcutta o di Rio se è felice o meno hai praticamente le stesse risposte che nei quartieri alti di Milano o New York, forse perfino meglio. Se poi lo chiedi a un bambino di 10 anni… puoi star certo che le percentuali migliori le hanno loro. Quanto al secondo argomento, sono costretto a fare una piccola premessa sul mio personale punto di vista: questa esperienza di vita ha uno scopo ben preciso, crescere. Il “male”, per usare un gergo cattolico ma potrei usarne un altro, è il dono che Dio ti sta facendo perché tu possa crescere, e molto. Mi rendo conto che potrebbe non esser facile da accettare o da vedere, ma il vederlo lo rende molto più accettabile.
Madre Teresa, nel corso di una intervista alla BBC, si sentì dire “Sa, Madre, è facile per lei essere dedicata al servizio più di noi, comuni mortali. Lei non possiede una casa. Non ha possedimenti. Non ha una macchina. Non possiede una assicurazione. Non ha nemmeno un marito.” Madre Teresa rispose: “Mi perdoni. Io ho un marito.– mostrando l’anello che il suo ordine monastico porta per simboleggiare il matrimonio con il Cristo– Ho un marito, e vorrei che lei sapesse che Egli può essere un tipo davvero difficile in certi momenti.”

“Ma io sto male!” Ok, mi dispiace sentirlo. Posso farti una domanda? Perché stai male? Ovviamente la risposta non mi interessa –no, non sono impazzito– ma interessa te. Non ti consiglio di rispondere subito, però. Ti consiglio invece di sederti sulla domanda, magari dormirci anche sopra, e di lasciare che ti scavi dentro fino a che riesce. In gergo ti dovrei dire meditaci sopra. Le risposte che troverai ti sorprenderanno e potrebbero perfino cambiarti.

Un piccolo caveat aggiuntivo.
Facciamo finta per un attimo che la Vita sia la mamma. Una mamma che -come tutte le mamme- è davvero amorevole ma non sa leggere nel pensiero. Come fa a sapere che cosa desideri?
Se ti stessi parlando adesso bisbiglierei: “Glielo devi far capire”. Come? Ringraziando. La gratitudine per tutto ciò che ti dona, che è molto, la predispone a darti anche di più, ma sopratutto le fa sapere che cosa ti piace, che cosa ti muove, che cosa ti entusiasma e che cosa ti rende felice.
Il famoso libro “The Secret” contiene tante sciocchezze ma anche qualche verità. Il potere di creare la nostra realtà lo abbiamo, ma pertiene alla profondità di noi stessi, non alla nostra mente, spesso sciocchina. Ciò che ci muove davvero è ciò che crea la nostra realtà. Ecco perché ci sono molte persone magari non del tutto degne che sono ricchissime. Sono oneste e molto chiare nei confronti della vita (magari solo di quest’ultima, ma è sufficiente), che ama loro esattamente come noi, e li esaudisce.

Sei tu!

8 Mag

Questa mattina mi si è presentato un tema noto, un vecchio conoscente, che una persona cara ha riportato da me. Quest’ultima ha lamentato qualcosa tipo “ma io voglio sapere davvero chi sono, voglio che resti!”

E’ forse il lamento, la sofferenza più frequente che viene da quanti abbiano sperimentato una qualche forma di risveglio. E’ ancora più significativo se per la persona ci sono stati effetti speciali, cioè se il riconoscimento di Sé è avvenuto con qualche esperienza particolare, magari molto piacevole.
La risposta che mi ha attraversato questa mattina la ho trovata molto interessante, e ho pensato di riportarla.

“Vedi, tu sei come una bambina che abbia visto se stessa dentro uno specchio. La prima volta che questo è accaduto hai provato un intenso stupore, una meraviglia.  Il riconoscere te stessa in quello specchio ha cambiato radicalmente la percezione che avevi di te stessa, e per sempre.”

Adesso sai che aspetto hai. Nell’incontrare quello specchio, sono però accadute due cose, non una sola. La prima è stato vederti per la prima volta e riconoscere che, certo, sei tu! La seconda è stata trasformare la percezione di te stessa. Si perché una volta che ti sei vista per quello che sei potresti ancora fare finta di essere qualcun altro –e chi te lo potrebbe impedire?– ma non sarà mai più come prima, perché la rivelazione non può essere disfatta. E’ un po come un consorte che abbia trovato il suo partner con qualcun altro: qualcosa cambia per sempre. Puoi scegliere di andare avanti, che so, di perdonare o accettare la situazione, ma non è possibile non farci i conti, nemmeno per i più tenaci negazionisti.

Una volta acquisito quanto sopra, tu ricominci ad andare in giro per il mondo e a giocare con quel che la vita ti propone. Puoi rimetterti di fronte ad uno specchio quando vuoi, ma sarebbe sciocco sia l’aspettarsi che lo specchio ti segua, che di trovarne uno ad ogni angolo. Diciamola tutta: non sarebbe sciocco anche pretendere di meravigliarsi e provare la stessa emozione che si è provato la prima volta, ogni qualvolta ricapiti di trovarci in bagno o nel camerino di un negozio, magari dopo anni e cresciute assai?

Questo non toglie nulla alla meraviglia di chi sei tu, anzi. Siccome chi sei tu davvero non ha confini, se non commetti nemmeno l’errore di incelofanare o cristallizzare quello che hai ricevuto, continuerà a stupirti giorno dopo giorno. Le tue reazioni ti stupiranno, la tua capacità di intuire, di comprendere, le tue azioni. Però questo può accadere se e solo se smetti di vivere sigillato nella recita. Se ripeti sempre le stesse azioni generate dai tuoi programmi, magari un tantino obsoleti, i risultati non cambieranno.

A cosa serve scoprire di essere ricco come Creso se poi ti comporti come uno sguattero?

In che cosa consiste lo smettere di recitare? Cominciare ad ascoltare ciò che si muove dentro di te, o nello smettere di ignorarlo.  Nell’imparare a discriminare fra i pensieri e ciò che viene dal profondo di te. Nel prendersi il rischio di ciò che proviene da dentro di te, senza imporlo a nessuno ma onorandolo tu per primo/a, se necessario condividendolo, prendendoti anche la responsabilità del regalo che hai ricevuto, e onorando il fatto che è un grande privilegio. Con il tempo diventare sempre più bravi a fare tutte queste cose.

A 18 anni quasi tutti prendiamo la patente, e la libertà che ne consegue è un dono meraviglioso, ma viene con molte responsabilità. Da quel giorno comincia il viaggio, e pian piano ci facciamo carico di imparare davvero tutto quel che serve per muoverci, e da allora in poi chi sa guidare bene sa che non smetterà mai di imparare, sopratutto se vuole viaggiare in posti nuovi, ognuno dei quali presenta cose da comprendere per non fare incidenti né prendere multe.

Il dono della Grazia ha anche lui moltissime responsabilità collegate. Ma chi si sognerebbe di tornare indietro?

Spiritual agriculture

23 Mar

That’s it …. It’s not exactly a job, not a very cool thing, I can’t deny I am doing it and yet it is obvious that it is not me who does it, as a farmer would be ridiculous if he affirmed “I make my plants grow.” No he doesn’t, yet he does something.

I felt that the metaphor I received this morning is very accurate: spirituality has many similarities with agriculture. Some might hope with gardening, but unfortunately no, agriculture. When effort is involved in spirituality, it is considerable, and you have to get your hands dirty. No protective gloves, at least sometimes you just have to take them off. You put yourself into the game, in a way it is a matter of survival. If your plants die you risk personally, a tad more than just your mood. Rarely you can start by buying something ready made. If it seems to happen, it just means that the price and the preparation were addressed earlier, perhaps in a non formal yet substantial way. You do not get to true spirituality without having paid a significant price, without having understood – for one reason or the other – that this aspect of your life is absolutely central. It is not, and can’t be, a hobby. Must it be a job? If you ask me: I’m afraid so, although nothing prevents you from having a second one. At least the intensity of the commitment should be of that kind, and as far as I know also the centrality of the theme. Mind you, you can live very well taking care of it (quite a?) bit. After all, who says that the work we came to do has to be completed in this life? One must feel what is right for him or herself. Yet if at some point you came to the conclusion that you should “finally resolve” this life, in the sense of getting to the bottom of it, I’m afraid there is no other chance: the effort that will be required will be total.

It is also important to know, though, that the real part, just like a farmer, won’t be done by you. The miracle will be performed by the sun, the rain, the earth, the wind, some unknown animal or insect, and at the innermost core. In a word: Life. You just have to show up on your fields. Day after day. Do what is necessary, which sometimes might require an investment, or quite some effort, or perhaps a specific and deep preparation. You see it, you feel it, usually you know, like a farmer: if you just bought the field you know you will have to plow. You have just planted? You will have to irrigate. If you do not know what to do, you go seek advice from a friend or a professional. “Do I need a guide, a Teacher?” This is an important question, which would require a separate treatment. If I were pointed a gun to my head, for an immediate and definitive answer, I’d say yes. Yet this answer is subject to what you just read, too: you see it, you feel it, you usually know. And when you’re ready, he or she will find you.

Agricolture spirituali

23 Mar

Di questo si tratta…. Non è esattamente un lavoro, non è una cosa particolarmente cool, non si può negare che la faccia eppure è evidente che non sia io a farla, come un agricoltore sarebbe ridicolo se affermasse “le mie piante le faccio crescere io”. Non è così, eppure qualcosa fa.

La metafora che mi è arrivata questa mattina mi è parsa molto accurata: la spiritualità ha molte similitudini con l’agricoltura. Qualcuno potrebbe sperare con il giardinaggio, ma purtroppo no, proprio l’agricoltura. Nella spiritualità lo sforzo quando c’è è considerevole, e ci si deve sporcare le mani. Niente guantini protettivi, quantomeno a volte bisogna proprio toglierseli. Nell’agricoltura ti metti in gioco, in un certo senso ne va della tua sopravvivenza, se le tue piante muoiono rischi in prima persona, più del semplice umore. Raramente puoi partire acquistando qualcosa di pronto. Se avviene di solito il prezzo e la preparazione li hai già affrontati in precedenza, magari in maniera non formale ma del tutto sostanziale. Non si arriva alla spiritualità vera senza aver pagato un prezzo importante, senza avere -per un motivo o un altro- compreso che questo aspetto della propria vita è assolutamente centrale. Non è, e non può essere, un hobby. Deve essere un lavoro? Se lo chiedi a me temo di si, anche se nulla ti impedisce di averne un secondo! Quantomeno l’intensità dell’impegno deve essere quella, e per quel che ne so anche la centralità del tema. Intendiamoci, si può vivere molto bene anche occupandosene un (bel?) po’, ma senza arrivare a quel punto. In fondo non è detto che il lavoro che siamo venuti per fare debba essere completato in questa vita, e ciascuno deve sentire che cosa è giusto per se. Se ad un certo punto tu che leggi ti sei posto il problema di “risolvere definitivamente” questa vita, nel senso di arrivare in fondo, temo non ci sia possibilità: lo sforzo che ti sarà richiesto sarà totale.

Però è importante anche sapere che la parte difficile, proprio come per un agricoltore, non sarai tu a farla. Il vero miracolo lo faranno il sole, la pioggia, la terra, il vento, qualche sconosciuto animale o insetto, e avverrà nella profondità più nascosta. Lo farà la Vita. Tu devi solo presentarti sui tuoi campi. Giorno dopo giorno. Fare ciò che è necessario, cosa che peraltro a volte richiederà un investimento, oppure molto impegno, o magari una preparazione specifica e profonda. Lo vedi, lo senti, di solito lo sai, proprio come un agricoltore: se si è appena comprato il campo sa che dovrà ararlo un bel po’. Se ha appena seminato, sa che dovrà irrigare. Se non sa che cosa deve fare, si va a cercare un consiglio, da un amico o da un professionista. “Ma mi serve una guida, un maestro?” Questa è una domanda importante, che avrebbe bisogno di un trattamento a parte. Se mi dovessero puntare una pistola alla testa chiedendo una risposta immediata e definitiva risponderei di si, ma in un certo senso questa risposta soggiace anche lei a quanto letto poco fa: lo vedi, lo senti, di solito lo sai. E quando sei pronto, ti trova.

Down to the roots

28 Ago

2013 08 28 la memoria
This image gave a graphical representation to a feeling that I had for some time: the implications of my beliefs. When we begin to wake up or just do psychological work, we realize that a -sometimes very large- serie of fears or reactions of ours is interconnected. In reality, this picture could make us infer that they all might be.

Staying with the feeling of the present moment takes me back along the branch that just showed up. The deeper I can follow that feeling to, the closer I get to the origin of the family of reactions and fears, and the more I actually liberate it. As if I lived with a pair of glasses whose lenses were covered by films, layered upon each other and maybe a little dirty: staying with the feeling allows me to check, and most of the time realize, that it is useless and has no reason to stay there. Staying with a feeling does not necessarily allow me to get right down to the root of the belief or fear, but film after film I do get down to the lens. I might even realize that even the glasses have no solid reason to be there.

After being with the initial reaction of fear, if not dismay, that this image brought up for me, I got the intuition that any one branch of this structure can lead me to the center, the nucleus. No need to take care of each branch, I have just to follow the path to the core to unravel the mystery and to access peace, which can only be accessed just now.

In fact in many places in spirituality you hear mentions that the only thing to remove is the identification with the false self. Worth reminding: by identification I refer to the conviction of being someone or something different from what I really am. Unfortunately the fact that such identification is extremely well rooted is often omitted, and realizing intellectually that it is false does bring benefits, but does not free me.
The first understanding, that I just called intellectual but can also be more profound, allows me to realize that reality might look different if I look closer, and prepare the exploration that leads to an actual liberation.

The game is to follow the lead that the feeling gives me, by putting my attention to its manifestation in the body (keep in mind that many sensations occur in the head), and keep it there while it persists. Every sensation has the power to bring me back to peace, and this is what happens if I have the courage to welcome and follow it. Over time I noticed that by following the sensations, my internal space of peace widens. By following the feelings I explore and clean up the area.

An important note: the reason why I usually run away from feelings is that I am terrified of what they typically trigger, i.e. the Babylonia of fears, thoughts, assumptions and imaginary conclusions that makes me feel bad. Staying with the physical sensation prevents that reaction though, severing the connection between emotion and the streaming of absurd ideas we are accustomed to.

It’s just a different way of describing what the article “Bring that candle around your depths” mentioned….

One last observation: freedom does not mean no more unpleasant sensations. The difference lies only in what I do with the feelings that arise.

Picture: courtesy of https://www.facebook.com/FansOfCognitiveNeuroscience

Scendere fino alla radice

28 Ago

2013 08 28 la memoria

Questa immagine mi ha dato una visualizzazione grafica di una sensazione che avevo da tempo: le implicazioni di una nostra convinzione. Quando cominciamo a svegliarci, o magari anche solo a fare del lavoro psicologico, ci rendiamo conto che una serie a volte anche molto ampia di nostre reazioni o paure è imparentata fra loro. In realtà questa immagine ci potrebbe far inferire che lo sono tutte.

Il lavoro di stare con la sensazione del momento serve a portarci indietro, lungo il ramo che è venuto fuori ora. Più in profondità riusciamo a seguire quella sensazione, più ci avviciniamo all’origine di quella famiglia di reazioni e paure, e più la liberiamo. Come se vivessimo con un paio di occhiali con le lenti coperte da più pellicole, appiccicate l’una sull’altra e magari un po’ sporche: stare con la sensazione equivale a renderci conto che quella è una pellicola inutile, che non ha ragione di stare lì. Spesso stare con una sensazione non ci consente di arrivare subito alla radice della convinzione o della paura, ma pellicola dopo pellicola arrivo alla lente. Potrei perfino accorgermi che nemmeno l’occhiale ha ragione di essere.

Dopo essere stato con la prima reazione di paura, se non sgomento, che questa immagine mi ha inizialmente fatto emergere, ho trovato molto positiva la intuizione che che un ramo qualsiasi di questa struttura ti può portare al centro, al nucleo. Non c’è bisogno di occuparsi di ciascun ramo, c’è bisogno di seguire il percorso verso il nucleo, per svelare l’arcano.

In effetti da molte parti nella spiritualità si menziona il fatto che l’unica cosa da rimuovere è l’identificazione con il falso sè. Già, purtroppo si omette spesso di dire che quest’ultima è estremamente ben radicata, ed il rendersi conto intellettualmente che questa identificazione sia falsa -che vale la pena di ricordare: è la convinzione di essere qualcuno o qualcosa di diverso da ciò che siamo davvero- porta dei benefici, ma non ci libera.
La prima comprensione però, che poco fa ho chiamato intellettuale ma può essere anche più profonda, ci permette di renderci conto e di prepararci all’esplorazione che porta alla liberazione.

Il gioco consiste nel seguire indietro la sensazione che emerge, tracciandola nel corpo (tenete presente che molte sensazioni si presentano dentro la testa), e nello stare con essa fino a che permane, possibilmente senza perderla mai. Ogni sensazione ha il potere di riportarci alla pace, e questo è quello che avviene se abbiamo il coraggio di seguirla. Nel tempo noteremo che mano a mano che seguiamo le sensazioni, lo spazio di pace si espande. Come se nel seguire le sensazioni -ed è esattamente questo quello che avviene- esplorassimo il territorio e lo liberassimo.

Una nota importante: il motivo per cui di solito scappiamo dalle sensazioni è che siamo terrorizzati da ciò che esse tipicamente scatenano, cioè la ridda di paure, pensieri, ipotesi e conclusioni immaginarie che ci fa stare male. Restare con la *sensazione fisica* impedisce quella reazione, e taglia sul nascere la connessione fra l’emozione e i voli pindarici cui la mente ci ha abituati.

E’ un modo diverso di descrivere quanto esposto nell’articolo porta la torcia in giro per la tua caverna, ma il concetto è il medesimo….

Una ultima osservazione: liberazione non significa non provare più sensazioni spiacevoli. La differenza sta solo in che cosa facciamo con le sensazioni che emergono.

Immagine: courtesy of https://www.facebook.com/FansOfCognitiveNeuroscience

Porta la torcia in giro per la tua caverna

17 Apr

Una volta che hai riconosciuto la luce dentro di te, sai che puoi accedervi. Chiamiamolo riconoscimento di Sé, risveglio o in qualsiasi altro modo, sai che qualcosa è cambiato, la Grazia è entrata nella tua vita. Questo di solito non significa che la chiarezza che essa porta si manifesta in tutte le situazioni. Molto spesso anzi si genera una certa frustrazione, dato che a questo punto siamo abbastanza in grado di distinguere quando la luce è accesa da quando non lo è, e proviamo dolore sia per il fatto stesso di essere al buio che per le ricadute in schemi comportamentale vecchi e ripetitivi, a questo punto più fastidiosi.

Il riconoscimento deve essere integrato. In termini pratici, permettere che la scintilla si diffonda nella totalità della esperienza umana. Come si fa?

Immagina che la scintilla sia un vero e proprio fuoco. Una volta che è acceso è inestinguibile. Puoi aumentarne l’intensità, magari con l’ausilio di qualche pratica o cercando di essere presente. Avrà il suo effetto, ma in verità è davvero difficile che solo grazie a questo il fuoco entri in ogni cellula del tuo essere. Potremmo dire che una volta che il fuoco sia entrato nella tua caverna la illuminerà, ma dato che sei molto più vasto di quanto tu creda, la sua capacità di guidare i tuoi passi sarà ancora limitata. Non appena si gira dietro l’angolo sbagliato, che sia una relazione o qualche aspetto di noi influenzato da dolori antichi o altri condizionamenti, si sperimenta di nuovo buio.
La reazione tipica è il contrario di ciò che è necessario: meditare un po’ di più, e tenersi alla larga dagli spazi scuri. Se non restare con la propria frustrazione o addirittura mettersi a insegnare, in modo da ricevere qualche bella conferma che siamo già perfetti così (e alimentare il fuoco iniziale, perché l’insegnamento lo fa). Forse l’ego non è più padrone completo della situazione, ma può mantenere un gran bel controllo e si reinventa in una versione più subdola e accettabile.

Ciò di cui c’è bisogno è l’integrazione. Dato che la luce interiore non si spegne, puoi lasciarti andare in giro nella caverna, ma portati un tizzone del tuo fuoco con te. Si, muoviti verso le zone oscure. Lasciatici entrare in profondità. Hai il tuo tizzone con te. Dovrai muoverti con prudenza e umiltà, naturalmente, ma non c’è bisogno di preoccuparsi particolarmente perché l’esistenza ti dà sempre e solo ciò che puoi affrontare. Entra con gentilezza e volontariamente, lasciati consumare dall’oscurità, abbracciala con la luce della tua coscienza. Quel che scoprirai, è che non solo l’oscurità si lascia illuminare dalla tua torcia, ma prende fuoco anch’essa. La tua oscurità, i tuoi dolori, le tue paure, il tuo sgomento sono fatti di carburante. Quando entri dentro di loro non solo il dolore a un certo punto sembra dissolversi, ma scopri che si rivela essere fatto di amore, il carburante migliore per la consapevolezza.

Come gestire il dolore? Sentirlo. A livello del corpo e/o come energia: quando qualche alterazione si presenta, muoviti gentilmente verso di essa, porta attenzione alla parte del corpo dove essa si presenta (potrebbe essere anche dentro la testa), e stai insieme a quella sensazione  fino a che puoi o finché dura, se riesci siine consapevole anche facendo altre cose. Non scappare. Un poco di pratica ti dimostrerà che puoi e non è nemmeno difficile, di certo non quanto potessi temere. Potresti anche ricevere dei “download”, delle comprensioni, dopo; ma non cercarle, specialmente appena arriva la sensazione, o finiresti per cercare di risolverla pensandoci su, ahimè del tutto inutile nel migliore dei casi. E’ una questione di rilassarcisi dentro. Un po’ come se entrassi in una nuova stanza della caverna e ti ci ambientassi. In realtà la maggior parte delle volte non è davvero nuova, naturalmente. Ma non era mai stata visitata consapevolmente, né avevi mai provato a farci amicizia. Invece puoi, e un pochino di pratica ti farà rendere conto che è altamente desiderabile farlo, visto che così liberi quella zona di te!

——

Buona parte di queste comprensioni, e la metafora della grotta, sono venute durante la mia seduta settimanale con Christine Wushke.

Il miglior libro che abbia mai letto sull’integrazione è suo: “Freedom is your Nature” (in Inglese), in corso di pubblicazione. È possibile sostenerne la pubblicazione pre-acquistando la versione digitale per soli 10$ qui:
http://www.indiegogo.com/projects/freedom-is-your-nature-a-powerful-book-on-transformation
O sostenere un po’ di più, e ottenere alcuni regali preziosi.

Informazioni su di lei e sul suo lavoro:
http://innerlightyoga.blogspot.ca/
https://www.facebook.com/let.your.heart.sing?fref=ts

Bring that candle around your depths

4 Apr

When you find the light within, you know you can access it. Call it recognition of yourself, awakening, or else, you know you have been changed, and Grace has entered your reality. That, normally, does not mean that the clarity it brings will affect all of your earthly experiences. Quite often we tend to develop  frustration on the topic, since at this point we can distinguish when the light is on and when it is not, we feel pain if it isn’t and we can’t stand going back to old repetitive patterns, which at this point become even more annoying.

Recognition needs to be integrated. This, in practical terms, means that you want the sparkle to spread out into the entirety of your human experience. How should you do that?

Imagine that the sparkle that entered yourself is a fire. Once you light it, it’s not going to extinguish itself. You can actually grow it bigger, usually by practice of some sort or by “trying to be present”. It will affect you, but ultimately it is extremely difficult that just out of that practicing it will enter every corner of your being. In fact you could say that once you light the fire in your cavern, it will brighten it but, because you are so much vaster than you think, its capacity to guide you will be still somewhat limited. As soon as you turn around the wrong corner, being it relating or some area affected by old pains or clutter of some kind, you will experience darkness again. What comes with it, is that most spiritual seekers will normally do the opposite of what is needed: meditate some more, and keep off dark spaces. Or become frustrated, maybe even teach so that they can get some confirmation that they are “perfect” as they are and brighten up the initial fire. Maybe ego is no longer in perfect control, but it has still quite some grip and can reinvent itslelf in a new, subtler and more acceptable version.

What needs to be done is integration. Because your fire is not going to be exhausted, you can start going around your cave, and the world, bringing a candle with you. Yes, go towards dark places. Let them suck you in at whatever depth. You have the candle with you. You will need to move slowly, humbly, of course, but do not worry too much because existence only gives you what you can handle. Gently and willingly enter those places with your candle, let yourself be consumed by that darkness. What actually reveals itself, is that if you do go into those corners as the light that you are, you will notice that obscurity not only gets enlightened by your candle, but it starts firing up itself. Yes, your obscurity, your pains, your fears, your gloom, are made of fuel, and as you enter them consciously and willingly stay there, not only the pain at some point seems to dissolve, but it turns out that it reveals itself as Love, the highest quality fuel for your candle.

How do you deal with the pains? Feel them. At the physical and/or energetical level: when something comes up, gently move your attention towards it, towards the area of the body where the feeling or the contraction appears, and sit with it for as long as you can, and as long as it is there, possibly be mindful of it even while doing other things. Do not run away. Just a little practice will show you that you can and it is not hard, not nearly as difficult as you imagine. You might also get “downloads” afterwards, understandings about it (do not look for them, especially initially or you will just approach it from your mind, which would be useless at best). It is a matter of relaxing in it. A little bit like entering a new area of the cave and becoming comfortable with the new space. It’s not new, most of the time, of course. It was just never entered consciouly, nor you ever tried to be comfortable in there. Still you will notice you can, and after a little practice you totally understand you should, since what you get out of that sitting is that you liberate that area!

——————

Most of these understandings, and the metaphore of the cave, came during my weekly session with Christine Wushke. A few more infos on hers might be found at the links below:

http://innerlightyoga.blogspot.ca/

https://www.facebook.com/let.your.heart.sing?fref=ts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: